Vai a sottomenu e altri contenuti

Flora

Entro i confini di Laconi sono presenti endemismi e rarità che fanno del paese un'isola di eccezionale valore da un punto di vista naturalistico: il territorio comunale annovera, ad esempio, il più alto numero di specie di orchidee della Sardegna, alcune delle quali derivano il proprio nome da questi luoghi, come l'Ophrys laconensis e Orchis sarcidano; è da inserire nel novero delle specie rare anche la Pyracantha coccinea, che con i suoi fiori bianchi e frutti rosso arancio cresce solo in questa parte dell'Isola.

Nell'agro di Laconi sono numerose le oasi di verde, una di queste è quella di Funtanamela, caratterizzata da rigogliosi boschi di leccio e una macchia bassa costituita da corbezzoli, eriche arboree, scoparie, fillirea angustifolia e grandiflora, alaterni, viburni, tassi, agrifogli e carpini neri; qui cresce anche il ginepro comune, specie abbastanza rara in Sardegna.

Laconi costituisce un habitat ideale anche per altre specie sarde endemiche come la Cymbalaria muelleri, una piantina dalle foglie trilobi e fiori azzurri e la Campanula forsythii dai vivaci fiori violacei.

Altre rarità crescono nel giardino degli Aymerich, si tratta di alcune specie botaniche tipiche di terre lontane come il cedro del Libano, il faggio pendulo (Fagus silvatica pendula), la Colletia cruciata e la Magnolia grandiflora.

Accanto a queste varietà particolari, altre più comuni prosperano tra le colline e le valli di Laconi, in particolare sughere, lecci e roverelle.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto